Come disegnare un’etichetta di vino

Blucactus-Come disegnare un' etichetta di vino

Come disegnare un’etichetta di vino? Se c’è un paese che sa come disegnare un’etichetta di vino, è l’Italia. La sua cultura, la sua tradizione e i suoi progressi enologici giustificano la sua posizione di potenza vinicola nel mondo. Attualmente, un totale di 50,4 milioni di ettolitri sono prodotti in Italia. Questo volume rappresenta il 17% del volume di liquore consumato globalmente. Gran parte di questo sviluppo commerciale può essere trovato nel modo in cui le etichette del vino sono progettate e stampate. Nell’uso di disegni di identificazione per prodotti alcolici che soddisfano i più alti standard di informazione e qualità.

 

Come conseguenza della sua partecipazione al mercato europeo BluCactus analizza il processo di come disegnare un’etichetta di vino. Dal punto di vista italiano questo comporta la creazione di un rapporto descrittivo sugli ultimi sviluppi giuridici. Il sistema di classificazione dei vini italiani si è evoluto a partire dagli anni ’60. Comprende un totale di quattro diverse categorie consentite. Tutto questo per rispondere alla domanda informativa di un mercato composto da più di 543 specie di uve diverse. Inoltre, BluCactus consiglia l’imprenditore vinicolo italiano in vista della grande varietà di offerte nazionali. L’intenzione è di dare ad ogni marchio un’immagine globale. Questo attraverso un design coerente con i suoi valori aziendali e allo stesso tempo capace di garantire la sua competitività agli occhi del consumatore.

 

Cenni di base sul mercato italiano del vino per capirne le caratteristiche, le principali leggi, i regolamenti e i meccanismi di regolamentazione.

 

blucactus-Note-di-base-del-mercato-vitivinicolo-italianoStatisticamente, le proprietà vinicole dell’Italia giustificano la sua posizione come il paese con la più grande produzione di vino al mondo.

 

Per l’Unione Europea, insieme a Francia e Spagna, l’Italia rappresenta un totale dell’80% del vino prodotto nell’Unione Europea.

 

Il processo di come disegnare un’etichetta di vino implica quindi una solida conoscenza del suo campo di offerta.

 

Questi sono classificati in un’unità di produzione nazionale equivalente a 900.000 vigneti registrati. Tutto questo è distribuito su una ventina di regioni di produzione.

 

Fino ad oggi, questo mercato conta un totale di 50.000 cantine che compongono l’apparato produttivo nazionale.

 

Blucactus-Note-di-base-del-mercato-vitivinicolo-italiano-2

Gli aspetti legali che sono attualmente utilizzati per stampare le etichette del vino sono apparsi nel 1963. In quell’anno il governo nazionale iniziò la creazione del sistema delle Denominazioni D’Origine.

 

Inizialmente, tale classificazione era in grado di elaborare solo il 105% delle marche presenti sul mercato.

 

Fino ad oggi, il processo di come disegnare un’etichetta di vino include una grande varietà di proposte.

 

Ognuno di essi è aumentato dopo la proposta della legge Goria nel 1992.

 

Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG)

 

Blucactus-Denominazione-di-Origine-Controllata-e-GarantitaInizialmente, la proposta del 1963 era un adattamento del modello francese al processo nazionale di come disegnare un’etichetta di vino. Per il mercato italiano del vino questo ha rappresentato la creazione delle cosiddette Appellations Contrôlée. Legalmente, il primo marchio di vino a ricevere tale status fu la Vernaccia di San Gimignano nel 1966. L’aggiunta dell’aggettivo G o Guaranteed al suo titolo è avvenuta a partire dal 1993. Ad oggi, l’Italia registra un totale di 74 marchi con denominazioni DOCG.

 

Per poter stampare etichette di vino secondo la normativa, il vino deve avere una qualità di più di dieci anni. In quel periodo il marchio deve rispettare il mantenimento del suo status sia a livello nazionale che globale. La sua inclusione nel processo di come disegnare un’etichetta di vino comporta anche altre misure obbligatorie. Per esempio, la rigorosa e necessaria presentazione di tale prodotto in contenitori non più grandi di 5 litri. Il sigillo di garanzia statale è un altro dei suoi aspetti richiesti. Attraverso questo elemento, il consumatore può ottenere informazioni sulla qualità e l’origine del prodotto. Questo sigillo permette anche di elencare categoricamente i diversi prodotti vinicoli.

 

Parametri obbligatori nel processo di progettazione di un’etichetta di vino DOCG.

 

Il processo di come disegnare un’etichetta di vino in Italia distribuisce le informazioni in modo efficiente. A questo scopo, vengono utilizzate un’etichetta principale e un’etichetta posteriore. Solo due criteri sono richiesti per la presentazione delle informazioni. Nel primo, i parametri obbligatori devono apparire sul lato anteriore della bottiglia. Questo significa che quando si stampano le etichette del vino, il consumatore non deve ruotare la bottiglia per ottenere le informazioni desiderate.

 

Poi, la leggibilità del carattere è un aspetto importante. La tipografia deve essere esclusivamente indelebile in contrasto con le immagini utilizzate nella rappresentazione. È sempre importante mantenere la coerenza con le lingue ufficiali dell’Unione Europea. A livello generale, viene identificato un catalogo di undici dati obbligatori per un’etichetta di categoria DOCG.

 

  • Tipo di uva:

 

Dichiarazione delle specie o dei tipi di specie utilizzati nella sua produzione.

 

  • Dichiarazione di classificazione DOCG.

 

  • Indicazione di solfiti e allergeni.

 

  • Anno del raccolto:

 

Una caratteristica richiesta esclusivamente per la categoria dei vini fermi.

 

  • Simbolo dell’agricoltura biologica.
  • Made in Italy.
  • Azienda di imbottigliamento.
  • Numero di lotto.
  • Contenuto di alcool.
  • Volume del recipiente.

 

Parametri opzionali nel processo di creazione di etichette di vini DOCG.

 

Blucactus-I-parametri-sonofacoltativi-e-vietati-nel-processoIl carattere meno rigoroso o opzionale degli elementi seguenti è dovuto alla loro caratteristica unica di entità complementare. Il processo di come disegnare un’etichetta di vino contempla il fatto di motivare ogni consumatore.

 

Così, i parametri opzionali forniscono al consumatore tutti i dati per incoraggiare l’acquisto di un prodotto. Per questo, il produttore ha un totale di sei requisiti informativi per l’effettiva realizzazione dell’atto di compravendita.

 

  • Nome della casa di produzione.
  • Nome commerciale.
  • Nome della marca.
  • Identificazione del metodo di produzione.
  • Regione geografica di origine.
  • Contenuto di zucchero: richiesto solo per i vini non spumanti.
  • Dichiarazione del termine “Liquore”:

 

Questo aspetto dovrebbe essere presentato sull’etichetta solo quando la concentrazione alcolica del contenuto è superiore al 15%.

 

Nel processo di stampa delle etichette di vino, i dati opzionali hanno importanti variazioni specifiche. Questo varia a seconda del tipo di pubblico e di mercato a cui ci si rivolge. Altri dati opzionali hanno variazioni nell’uso degli aggettivi. La dichiarazione dei metodi di trattamento è uno di questi. Così, il processo di come disegnare un’etichetta di vino include espressioni come fermentato e invecchiato. Una caratteristica unica per le marche non brillanti sul mercato.

 

Denominazione di Origine Controllata, (DOC)

 

Blucactus-Denominazione-di-Origine-ControllataQuesta categoria rappresenta il secondo passo nel processo di come disegnare un’etichetta di vino in Italia. La sua acquisizione è possibile solo dopo aver mantenuto la qualità del marchio per almeno cinque anni.

 

A causa delle condizioni di mercato, la Repubblica Italiana ha attualmente un totale di 309 diversi COA. Per la stampa delle etichette di vino associate alle etichette AOC, la legislazione nazionale opta per un modello simile a quello della DOCG. I suoi elementi obbligatori e opzionali corrispondono alla lista di cui sopra.

 

Ciononostante, il processo di sapere come disegnare un’etichetta di vino prevede importanti elementi particolari. Questi permettono di esprimere in modo specifico le particolarità essenziali di una marca di vino. Prima di tutto, la categoria AOC è un equivalente diretto del sistema francese chiamato Appellation d’origine contrôlée (AOC). La regione geografica di produzione gioca quindi un ruolo fondamentale sull’etichetta del vino. D’altra parte, questa denominazione gioca con specifiche più severe sulle caratteristiche del vino. Per cominciare, è possibile indicare le caratteristiche del vitigno ammesso e la resa del raccolto. Vengono poi specificati anche l’invecchiamento minimo consentito, l’uso delle botti e la concentrazione minima di alcol.

 

Come progettare un’etichetta di vino AOC: parametri principali per dichiarare e ottenere lo status AOC.

 

Blucactus-Comeprogettare-un_etichetta-di-vino-DOCPer la stampa delle etichette dei vini, l’espressione di una denominazione AOC comporta la presenza di un nome geografico. Generalmente le entità più riconoscibili a livello internazionale sono poco più di dieci di queste.

 

Questi includono i titoli Castelli Romani, Valpolicella e Franciacorta. Altre varianti dell’espressione della categoria AOC sull’etichetta è l’inclusione del nome della varietà. Questo precede sempre il nome dell’entità geografica d’origine.

 

In termini di ottenere il processo di come disegnare un’etichetta di vino, descrive altre circostanze. Generalmente, essendo la seconda categoria del sistema nazionale, questo status si ottiene solo tramite ispezione.

 

Questo deve essere fatto attraverso la partecipazione di una commissione di degustazione. Essenzialmente questo è costituito da una giuria costruita dal governo. Per l’uso di questa categoria questa squadra selezionata sarà basata su criteri come il vitigno del vino e il luogo di coltivazione. Più specificamente il processo impiegato da tale personale è la degustazione. Verrà compilato un documento chiamato Ficha de Cata. Quest’ultimo è fatto per favorire una comprensione più profonda del marchio del vino e delle sue qualità.

 

Recenti cambiamenti legislativi nella categoria AOC che ogni imprenditore vinicolo dovrebbe considerare.

 

Blucactus-Recenti-modifiche-legislative-nella-categoria-DOCLa partecipazione dell’Italia all’Unione Europea è una caratteristica che ha motivato importanti aggiustamenti ai regolamenti sull’etichettatura del vino. In particolare, il processo di come disegnare un’etichetta di vino ha avuto il suo più recente cambiamento dal 2008. In quell’anno, lo Stato ha approvato la modifica delle classiche categorie AOC e DOCG.

 

Il cambiamento consisteva nel fondere le due categorie in una macro-classificazione più ampia. Il consenso ha portato alla loro ridenominazione sotto il titolo di Denominazione d’Origine Protetta o DOP. Per stampare le etichette del vino utilizzando queste norme, è importante prendere in considerazione i parametri della dichiarazione di classificazione. Tali leggi assicurano che è obbligatorio sostituire o aggiungere in quella regione dell’etichetta.

 

D’altra parte, il processo di come disegnare un’etichetta di vino AOC ha anche altre varianti. La regione di Bolzano è una delle eccezioni più importanti. Questo è dovuto alla sua lingua, che è principalmente tedesca. In questo caso, la dichiarazione AOC è consentita con la frase Kontrollierte Ursprungsbezeichnung (Ursprungsbezeichnung controllata). La denominazione AOC si caratterizza sul mercato tedesco per i suoi diversi campi di applicazione. Diversi prodotti come il burro, l’aceto, l’olio e il formaggio vi rientrano già. L’industria del vino, d’altra parte, è ancora in fase di adattamento a queste nuove strategie.

 

Indicazione Geografica Tipica, (IGT)

 

Blucactus-Indicazione-Geografica-TipicaIl processo di come disegnare un’etichetta di vino è caratterizzato dalla presenza di un terzo livello di qualità. Così, il nome attuale di Indicación Geográfica Típica risale al 1992. A quel tempo, la revisione del modello PDO dell’Unione Europea era il fattore che causava tali cambiamenti. Il livello di classificazione IGT in Italia funziona in modo equivalente alla categoria francese Vin de Pays.

 

Inizialmente questa riforma nel processo di stampa delle etichette dei vini è stata usata per catalogare la gamma dei Super Tuscans. Tale iniziativa ha rappresentato il fatto che ha determinato l’identità propria della categoria. In altre parole, il vino è diventato sinonimo dell’identità di un territorio con caratteristiche specifiche.

 

L’ultima riforma significativa in questo processo di come disegnare un’etichetta di vino risale al 2008. Questa data è stata scelta dall’Unione Europea per l’aggiornamento del sistema IGT. Il nuovo meccanismo di classificazione considera la riformulazione congiunta dell’IGT insieme al Vin de Pays. La nuova categoria risultante da questo partenariato si chiama IGP. L’acronimo sta per Indicazione Geografica Protetta e il suo uso è legittimamente riconosciuto dall’Unione Europea.

 

Parametri obbligatori da includere nella progettazione di un’etichetta di vino di categoria IGT.

 

Blucactus-Parametri-obbligatorinel-processo-di-progettazione-di-un_etichetta-di-vinoInizialmente, i parametri informativi richiesti per il processo di come disegnare un’etichetta di vino IGT sono simili alle categorie precedenti. Così, questo sistema è composto da un totale di otto aspetti essenziali.

 

L’obiettivo è quello di fornire al consumatore tutti gli aspetti fondamentali della costituzione del vino.

 

Di grande importanza per questo è l’etichettatura sotto la regione geografica di produzione.

 

La differenza tra questo tipo di etichetta e le classificazioni DOG è il livello ridotto di restrittività.

 

Gli aspetti obbligatori per la stampa di etichette di vino in questa categoria corrispondono alla seguente formula:

 

Blucactus-Parametri-obbligatorinel-processo-di-progettazione-di-un_etichetta-di-vino-2 - Come disegnare un' etichetta di vino

  • Tipo di vino:
  • Categoria di vino: (Indicazione Geografica Protetta)
  • Dichiarazione dei solfiti.
  • Anno del raccolto.
  • Made in Italy: (Presente solo nella gamma dei vini fermi)
  • Nome dell’azienda imbottigliatrice.
  • Misura del contenuto di alcol.
  • Volume dell’imballaggio o del contenitore.

 

Un altro aspetto importante nel processo di come disegnare un’etichetta di vino è la sua relazione con il sistema francese.

 

Essendo un adattamento della categoria Vin de Pays, l’Italia concede alcune eccezioni alla sua dichiarazione.

 

La più importante di queste riguarda la regione della Valle d’Aosta. Lì, il francese è una lingua co-ufficiale.

 

Pertanto, la sostituzione dell’IGP con il Vin de Pays è valida.

 

Le informazioni opzionali quando si progetta un’etichetta di vino di categoria IGT:

 

Blucactus-Parametri-obbligatori-da-inserire-nella-progettazione Come disegnare un' etichetta di vinoSapere come disegnare un’etichetta di vino IGP sarebbe incompleto senza le informazioni opzionali.

 

In generale, questi requisiti per la stampa di etichette di vino consistono di cinque elementi in totale.

 

Questa formula è strutturata come segue:

 

  • Azienda o casa di produzione.
  • Nome commerciale.
  • Marchio commerciale.
  • Agricoltura biologica: (Sigillo o simbolo)
  • Dichiarazione parola “liquore”: (Solo per composizioni il cui grado di concentrazione è superiore al 15%).

 

Il processo legato al fatto come disegnare un’etichetta di vino comporta altre caratteristiche obbligatorie. Oltre ai dati sulle opzioni, i regolamenti pongono un’enfasi importante sul loro status nei confronti dell’Unione Europea. Questa organizzazione ha un totale di 118 marchi alcolici riconosciuti. Naturalmente tra queste sono elencate regioni come la Lombardia, la Sardegna e la Sicilia.

 

A livello nazionale, tutta questa serie di meccanismi ha ulteriori implicazioni per ottenere lo status di IGP. Dev’essere concesso ad una marca produttrice di vino in una concessione rilasciata dal Ministero dell’Agricoltura italiano. D’altra parte, il processo di stampa delle etichette di vino IGP ha un periodo di validità temporaneo. Questo è stato esteso per legge ad un intervallo di non più di cinque anni.

 

Vino da Tavola:

 

Blucactus-Vino-de-Tavola -Come disegnare un' etichetta di vinoQuesta è la classificazione più basilare nel processo di come disegnare un’etichetta di vino in Italia. Normalmente, esprime una categoria in cui sono raggruppati tutti i vini di qualità inferiore. In media, questa categoria è usata per i viticoltori che concepiscono i loro prodotti senza pensare a standard prestabiliti. Tuttavia, un documento intitolato Regolamento C/E 479/2008 ha potuto stabilire i suoi parametri di progettazione. Gli elementi obbligatori richiesti per la stampa di etichette per il vino da tavola si basano sui seguenti elementi:

 

  • Espressione di vino: (indica che il liquido ha una concentrazione di acido tartarico superiore a 3,5 grammi per litro).
  • Made in Italy.
  • Compagnia di imbottigliamento.
  • Numero di lotto.
  • Gradazione alcolica espressa in %.
  • Volume del contenitore.

 

Il processo di sapere come disegnare un’etichetta di vino è caratterizzato anche da altri parametri. Tra i suoi elementi informativi fondamentali, è esclusa qualsiasi dichiarazione a un’entità geografica. Per stampare etichette di vino di questa categoria, bisogna considerare il loro periodo di validità commerciale. La normativa italiana impone un periodo minimo di qualità di tre anni. Quest’ultima caratteristica è applicabile esclusivamente a qualsiasi marchio di Vin de Table per essere promosso alla categoria successiva di IGP.

 

I parametri opzionali e proibiti nel processo di progettazione di un’etichetta di vino Come disegnare un’etichetta di vino (Italia) Vino da Tavola.

 

Blucactus-Informazioni-facoltative-per-la-progettazione - Come disegnare un' etichetta di vinoTra gli imprenditori che devono sapere come disegnare un’etichetta di vino, la considerazione dei parametri opzionali è importante.

 

Storicamente, la categoria Vin de Tavola esiste dalla riforma iniziale del 1963. Inizialmente rappresentava un’alternativa per il settore critico al nuovo sistema di denominazione AOC.

 

Quindi, non sono poche le marche che hanno utilizzato questa classificazione nei confronti del loro mercato.

 

In ogni caso, i parametri opzionali nel processo di stampa delle etichette di vino da tavola sono i seguenti.

 

  • Aggettivi da colorare:

 

Terminologia per indicare il colore di una composizione. In media, le parole rosso, bianco e rosa sono molto usate.

 

  • Parola Liquore:

 

Questa marcatura è opzionalmente inclusa solo quando la concentrazione alcolica del composto è superiore al 15% in volume. 

Il processo di come disegnare un’etichetta di vino da tavola include dati proibiti a livello standard. Questi sono indicati come aventi due parametri fondamentali.

 

  • Anno del raccolto:
  • Varietà di uve utilizzate.

 

L’evoluzione della categoria Vin de Tavola è stata soggetta a un’importante evoluzione commerciale. Il marchio Tuscany è stato una parte fondamentale di questo processo di stampa di etichette di vino. Durante gli anni ’80, la regione si è distinta per un alto numero di marchi di questa categoria. La sua tendenza a portare qualità e prezzi più alti sul mercato del DOC è stata la causa scatenante di ulteriori riforme legali.

 

BluCactus rivela tutti i segreti del processo di come disegnare un’etichetta di vino completamente legale ed efficiente.

 

Blucactus-ContattaciIl mercato europeo del vino, sebbene sia il più antico del suo genere, non è esente dagli effetti della globalizzazione.

 

Al giorno d’oggi, la necessità di catturare un pubblico di massa e stampare etichette di vino è un fatto che affronta importanti richieste. I nostri servizi alla clientela si estendono in tutta la Repubblica Italiana. Per questo abbiamo sviluppato un sistema di servizio personalizzato adattato a tutte le vostre esigenze. Da un lato, abbiamo un sistema avanzato di branding e di design dell’immagine aziendale.

 

D’altra parte, il nostro servizio di design professionale comprende più del semplice processo di come disegnare un’etichetta di vino. Con l’aiuto dei nostri professionisti, sarete in grado di identificare gli aspetti della vostra identità aziendale che devono essere migliorati o rinnovati.

 

La nostra intenzione è di permettere un alto grado di competitività per il vostro marchio. Tutto questo in un mercato globale che ha chiuso l’ultimo decennio con una gamma di 1,1 miliardi di litri. Tale misura coincide con un valore del 34% dell’indice produttivo dell’Unione Europea.

 

Note finali: BluCactus Marketing Agency la tua migliore scelta per il design di etichette di vino in Italia, Europa e il resto del mondo.

 

L’Italia è una regione continentale che ha tutte le proprietà per giustificare la sua posizione nel mercato globale del vino. In mezzo a tutto questo, la stampa di etichette per il vino è disponibile non solo per le marche affermate. Inoltre, se sei un imprenditore start-up e hai bisogno di un approccio ingegnoso, il design delle etichette del vino è a tua disposizione. BluCactus ha un team selezionato di designer. Professionisti che hanno un alto livello di competenza nei principali mercati di consumo del mondo. Paesi come gli Stati Uniti, l’Argentina, la Cina e il Regno Unito sono inclusi nelle loro top list.

 

Come produttore di vino, il nostro team sfrutterà tutte le proprietà del tuo prodotto per creare l’etichetta di cui hai bisogno. Qualità, professionalità e innovazione sono le caratteristiche principali del nostro sistema di lavoro. Per ulteriori informazioni sui nostri servizi di consulenza su come progettare un’etichetta di vino vi invitiamo a contattarci oggi stesso. Ti invitiamo inoltre ad iscriverti alla nostra newsletter quotidiana e a seguirci su tutti i nostri network. Non esitare più, Blucactus Italia ha tutte le chiavi per svelare la magia che sta dietro al processo di come disegnare un’etichetta di vino!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.