Ha senso fare marketing con Pinterest?

Blucactus Italia - Ha senso fare marketing con Pinterest?

Ha senso fare marketing con Pinterest? Alcuni lo considerano un passatempo inutile Tuttavia, ci sono aziende costruite da zero grazie a Pinterest. Vale la pena inserirlo nella propria strategia di marketing? Vediamolo insieme, analizzando i numeri, i pro e i contro.

 

Il 18 aprile 2019 Pinterest è diventato pubblico in Italia. Ha consegnato una cartella con molti dati. Gli avevano detto che le azioni sarebbero state vendute a tonnellate, poi sono salite, poi sono scese.

 

Il tutto al termine di un anno ricco di buone notizie: nel 2018 Pinterest ha registrato la più alta crescita di utenti dalla sua creazione. Per questo motivo, era pieno di pubblicità. Pertanto, c’erano molti inserzionisti pronti a spendere i loro soldi su di esso.

 

Cosa significa tutto questo per noi? Dovremmo iniziare a fare marketing con Pinterest? Iniziare a promuoversi come pinfluencer? Si può vivere solo di moodboard?

 

Pinterest non è un social network

 

BluCactus Italia - Pinterest - marketing con PinterestPinterest è l’album di figurine di chi si sposa. Di chi deve arredare la casa. Di chi sta per avere un figlio. È il luogo dove fugge il procrastinatore professionista.

 

Dove vanno quelli che scappano dall’inserimento dati. Dove chi, mentre addormenta i bambini, riesce a scorrere sullo schermo senza che le due operazioni entrino in conflitto.

 

Il procrastinatore, il fuggitivo e il genitore addormentato hanno una cosa in comune. Vogliono pensare ai delicati mazzi di peonie che non compreranno.

 

Ai timbri di gomma che non autoprodurranno. E alle forme geometriche in base alle quali non verranno allestiti i quadri in salotto. Inoltre, a pensarci bene negano l’evidenza, sostenendo che presto metteranno in pratica i buoni propositi che stanno mettendo da parte con tanta precisione e organizzazione. Domenica prossima, se cade il mondo, costruiranno un terrario.

 

Blucactus Italia - Celulare - marketing con PinterestPinterest funziona un po’ come Google, con una grande differenza. È in grado di capire cosa vi piace e di proporvi immagini compatibili con i vostri gusti.

 

Man mano che create le vostre bacheche Pinterest apprende lo stile che preferite. Quindi, lo rende chiaro anche a voi. La ricerca diventa sempre più precisa e verticale, più facile da fare e soddisfacente da guardare.

 

Fin dalla sua fondazione, Pinterest si è guardato bene dal definirsi un “social network“. Strumenti di produttività e utilità ricca di media sono le parole che i suoi creatori usano per descriverlo.

 

In questo modo, diventa un concorrente sia di Google che di (e sempre più) Instagram. Ma la definizione di Pinterest più perspicace, a mio avviso, è quella di “The Atlantic”, che lo definisce un “database di intenzioni”. Che dal punto di vista di chi lo usa per il marketing è sia un bene che un male. Vediamo perché.

 

Chi usa Pinterest e quanto?

Marketing con Pinterest

 

BluCactus Italia - donna che usa il telefono - marketing con PinterestMolti lo considerano un passatempo inutile. Tuttavia, ci sono aziende costruite da zero grazie a Pinterest. Ad esempio, Moorea Seal è nata da lì. In un momento in cui dobbiamo cercare nuovi modi per avvicinare le persone ai canali proprietari, questo è uno dei canali da valutare.

 

Il pubblico di Pinterest è costituito, in poche parole, da ricche madri millenarie. Molte di loro lo usano come parte di un processo di acquisto. In primo luogo, scoprono nuovi marchi e ispirazioni. Creano bacheche che assomigliano più a liste della spesa che a moodboard.

 

Poi, mentre sono in negozio o mentre guardano il catalogo dell’e-commerce, aprono le bacheche per fare confronti. E, dopo l’acquisto, riaprono Pinterest per ottenere ulteriori informazioni.

 

Uno dei migliori esempi di Pinterest per l’e-commerce è:

 

BluCactus Italia - Pin - marketing con PinteresteWorldTrade.com. L’account è stato aperto nel dicembre 2020 e ha guadagnato più di 72.000 visualizzazioni in un breve lasso di tempo.

 

Pinterest afferma di portare il 33% di visite in più rispetto a Facebook.

 

Ma un utente di Facebook nel mercato internazionale – cioè tutto il mondo tranne gli Stati Uniti – genera in media 34 dollari al giorno. Un utente internazionale di Pinterest, invece, genera 0,09 dollari al giorno.

 

Quando utilizzare Pinterest per il marketing

 

BluCactus Italia - Portatile - marketing con PinterestHa senso includere Pinterest nella propria strategia di marketing? Per scoprirlo, è necessario rispondere a due domande. La prima è: cosa fate?

 

Se vi occupate di cibo, matrimoni, tatuaggi, artigianato, grafica, illustrazione, interior design e moda, siete nel posto giusto. Pinterest funziona bene per settori molto specifici. Tutto si riduce a due criteri:

 

Bisogna avere qualcosa da fotografare in formato verticale.

 

  • Oppure, in alternativa, si deve poter legare la propria comunicazione alla diffusione di frasi motivazionali, grafiche soddisfacenti, finte fotografie analogiche (e farlo in modo da mantenere un minimo di coerenza).

 

Blucactus Italia - donna gioiosaCome dire: Fate bene qualcosa di fotogenico. Altrimenti, inventate immagini da associare a ciò che fate, ma senza farvi prendere la mano. L’obiettivo non è diffondere immagini a caso, ma ricondurre le persone a voi. In altre parole, far venire loro voglia di visitare il vostro sito.

 

Tutti gli altri sono fuori dal banchetto. Chiunque venda servizi che non hanno nulla a che fare con immagini esteticamente gradevoli è fuori dal giro.

 

L’unica strada percorribile per questo tipo di business sarebbe quella di produrre infografiche interessanti, ma se parliamo di micro-aziende, l’investimento è difficile da giustificare. Perché, come ho detto, ci sono due domande a cui rispondere. E la seconda è la più importante.

 

Due tap sono tanti o pochi?

Marketing con Pinterest

 

La seconda domanda a cui rispondere è: quanto sono forti le intenzioni di chi ha appuntato le vostre immagini?

 

BluCactus Italia - donna che pensaInnanzitutto sì, perché se il senso di Pinterest è quello di portare traffico al sito, allora dopo averle appuntate le vostre immagini devono anche essere aperte. Cioè, le persone che hanno salvato le vostre immagini nelle loro mood board devono davvero voler capire da dove provengono.

 

Per chi ha un blog di ricette, questo non è un problema. Vedo la foto della torta, la salvo perché è meravigliosa, ma non basta. Se voglio farlo davvero, bastano due tap per portarmi alla fonte.

 

Due tap sono sufficienti anche per portarmi dal pin della stampa dell’autore al sito che vende la stampa in questione. Non importa se la stampa dell’autore è stata ripinnata un milione di volte. Se non c’è un posto dove metterla, nessuno si prenderà la briga di capirne la provenienza.

 

L’immagine della stampa è sufficiente. Vederla appuntata sulla bacheca giusta è già abbastanza soddisfacente, non c’è bisogno di avere dettagli sul suo autore. E se siete voi l’autore, questa è una brutta notizia.

 

Il problema di Pinterest

 

BluCactus Italia - ScarpeIn questo senso, il fatto che Pinterest sia un “database di intenzioni” è un problema. Non si può contare sul “vorrei, ma non posso” per attirare le persone. E se altri social network – Instagram fra tutti – producono lo stesso effetto, almeno altrove le immagini non prendono il sopravvento sulla loro fonte.

 

Su Instagram, vedo un’illustrazione che mi piace. Poi seguo l’illustratore che l’ha creata e, da quel momento in poi, scopro sempre di più del suo mondo fino a ricordare il suo nome. Infine, posso, ad esempio, consigliarla ad altri.

 

Su Pinterest, l’illustrazione entra nella mia mood board senza che io mi preoccupi di sapere che esiste davvero un illustratore che l’ha creata e la vende. La fonte resta il link, potenzialmente più importante di un follow perché cliccabile ma nascosto, del tutto inutile se nessuno sente il bisogno di fare due tap.

 

Blucactus Italia - DonnaQuesto risultato non è casuale. È una delle conseguenze del posizionamento di Pinterest, che come ho detto è sempre stato attento a non definirsi un “social network”: strumenti di produttività e utilità ricche di media significano, tra l’altro, che Pinterest non serve a mettere in contatto le persone tra loro, ma ad aiutare a trovare le cose.

 

Su Instagram si può trovare la stampa dell’autore e si è incoraggiati a visitare il suo profilo, quindi a seguirlo.

 

Su Pinterest, invece, si trova la stampa e si è invitati a salvarla in una bacheca, quindi a salvarne altre simili che vengono prontamente suggerite.

 

Blucactus Italia - Ken SchreckVolete salvarle sul vostro computer e stamparle per i vostri affari, dimenticando per sempre il loro autore? Farlo è scorretto, ma anche piuttosto facile.

 

Ecco perché Pinterest viene spesso utilizzato (come Google) come fonte di immagini – letteralmente: avete presente tutte quelle foto con la didascalia “fonte: Pinterest”? Se le immagini (e non le persone o i marchi) sono al centro, se l’aspetto è quello di un motore di ricerca (e non di un social network), se le didascalie possono essere cambiate a piacimento, usare i propri contenuti per parlare di sé e promuovere la propria attività è più difficile che altrove.

 

Questa agenzia di marketing online, con sede a Milano, cerca di rafforzare la vostra immagine come marchio e di portarla a un livello superiore. Non aspettate oltre per avere l’aiuto dei migliori specialisti del marketing digitale. Contattateci subito attraverso i nostri social media o il nostro sito web!

 

Se volete rimanere aggiornati sul mondo del marketing digitale, potete anche iscrivervi alla nostra newsletter mensile.

 

 

Bio dell’autore per questo post ospite:

 

Natalie French, nata e cresciuta in Inghilterra, considera la sua fede e la sua famiglia la cosa più importante per lei. Trascorre il tempo scrivendo blog, articoli e fatti che si possono trovare quasi sempre nei blog di tecnologia e negli ultimi articoli.

 

Facci sapere se anche tu vuoi scrivere per noi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *