Qual è l’identità del marchio Chanel?

Blucactus - Qual è l'identità del marchio Chanel?

Qual è l’identità del marchio Chanel? Tutti i marchi in Italia e nel mondo hanno una ragione d’essere. Un motivo che li rende diversi. Servono a uno scopo ed è questo il senso di un’attività commerciale: raggiungere le persone e raggiungere gli obiettivi.

 

Nel caso di grandi marchi come Coco Chanel, la loro identità è molto fissa. Che non è altro che ciò che definisce la vostra missione e i vostri valori. Compresi il logo, il design dei prodotti e l’etica aziendale. Perché? Semplice, perché tutto comunica qualcosa. Tutto parla da solo e mostra chi siete. Una buona identità di marca vi aiuta a entrare in contatto e, in questo modo, a far sì che il pubblico entri in contatto con il vostro marchio. Il che vi porta a rafforzare il vostro prodotto attraverso il branding.

 

In questo senso, un marchio è una qualsiasi caratteristica che distingue i prodotti o i servizi di un venditore (oltre ai loghi, ne fanno parte anche i nomi, i caratteri e gli slogan). In parole povere: Il branding aiuta a definire perché il proprio prodotto è diverso da un altro in termini di azioni intangibili. Mentre la brand identity è tangibile perché è il volto del marchio. L’immagine visiva.

Che cos’è l’identità di marca di Chanel?

 

Blucactus - profumo chanelNel caso di Coco Chanel, si tratta di uno stile molto femminile e senza tempo. Fin dalla sua nascita in Francia, è riuscita a fondere la sua immagine proiettata al consumatore con la personalità della sua fondatrice.

 

Il risultato è un marchio forte che incarna attributi e qualità umane.

 

Gabrielle Chanel era considerata un’autodidatta in quasi tutti gli aspetti della sua vita. Una visionaria nella concezione del suo marchio, che uscì nel mondo nel 1909 come cappellaio (e non di quelli pazzi, come in Alice nel Paese delle Meraviglie).

 

Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, era una donna molto ricca e soprattutto indipendente che creava alta moda e aveva diversi stabilimenti in Francia.

 

Blucactus - profumo e rossetto chanelConsapevole dell’importanza che il suo nome acquisiva, creò uno stile che la rendeva unica tra tutte le altre. In questo modo divenne la prima a interessarsi agli accessori in quanto potevano essere più accessibili degli abiti.

 

Da qui nacquero alcune grandi idee, come quella del profumo Chanel N.5.

 

Questo profumo è nato con una tipografia che era destinata a diventare qualcosa che nessuno avrebbe potuto imitare, e in effetti è stato uno dei loghi più imitati. Fu un regalo dell’amica americana Irene Bretz.

 

Negli anni Venti, la donna era proprietaria di Chareau de Cremat a Nizza. Lì Chanel si innamorò del logo del castello, che era una doppia C intrecciata.

 

Blucactus - Jennie delle BlackPink - chanelUna delle cose che hanno reso Chanel un’imprenditrice dall’identità insolita è che ha fondato un impero. È diventata una delle prime donne d’affari del XX secolo. Inoltre, è stata la creatrice e la manager del suo marchio.

 

Per questo Chanel è considerato un marchio mitico, grazie alla personalità della sua proprietaria. Il suo potere è rimasto invariato fin dalla sua nascita. Indipendenza, potere, libertà e femminilità come nessun altro.

 

Questa imprenditrice merita di essere annoverata tra i grandi della moda. Come modello di donna, merita una menzione d’onore e ha finito per diventare una donna molto sola.

 

Quali sono i valori dell’azienda Chanel?

 

Blucactus - donne che indossano chanelQuesta donna del nuovo secolo è moderna, laboriosa e ha sempre fatto la sua migliore pubblicità grazie alla sua incessante innovazione. Dal suo senso della moda alle sue caratteristiche di donna legata al denaro.

 

Fin da piccola ha deciso e saputo di voler fare soldi e scalare le vette. In questo modo, riusciva a essere indipendente.

 

Tuttavia, erano altri tempi molto rivoluzionari e lei cercò di fare di tutto per non dipendere da nessuno. Così facendo, imparò a sfruttare le sue conoscenze per farsi un nome in questa grande industria della moda. Creò il suo stile basandosi sulla comodità e sulla semplicità dell’abbigliamento maschile in stile inglese.

 

In seguito, la sua influenza più importante consisteva nell’intuire come sarebbe stata la donna del XX secolo. Per poi offrirle un guardaroba adeguato basato sul comfort e sulla semplicità.

 

Blucactus - negozio di abbigliamentoIniziò con la maglieria che diede vita all’abbigliamento sportivo femminile con tailleur. Questi ultimi illustrano l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro con le uniformi.

 

Ha realizzato i pantaloni femminili, la sua petite robe noir destinata a semplificare la vita delle donne. In questo modo, è riuscita a convincere le donne che meno è meglio.

 

La sua missione era quella di essere la casa di lusso per eccellenza, definendo lo stile e creando il desiderio, ora e per sempre. I suoi valori erano umanità, unicità e inclusione.

Cosa significa il simbolo di Chanel?

 

Tra il 1913 e il 1915, Coco Chanel ampliò la sua attività e si trasferì nella sua prima casa di cucito a Biarritz. Lì incontrò i suoi investitori che nel 1918 la aiutarono a trasferirsi all’indirizzo N 31 de la Rue Cambon. Nel 1921 collabora con il profumiere Ernest Beaux. E da lì apparve il profumo Chanel n. 5.

 

Gli anni passano e Chanel continua a ottenere successi in ogni sua creazione. Divenne chiaro che aveva bisogno di un logo per il suo marchio.

 

Qualcosa che rappresentasse i suoi valori e la sua eleganza. Così, nel 1925 creò il monogramma che conosciamo oggi.

 

Blucactus - modelliSi tratta di un disegno realizzato da lei stessa con una sovrapposizione di due lettere C sul retro che si intrecciano.

 

Si dice che il suo significato sia facile da capire, ma può averne diversi. Sono le sue iniziali, come Coco Chanel era legata alla semplicità e alla raffinatezza, ma anche alla forza del suo marchio.

 

Il logo della doppia C è metaforicamente legato a una catena spezzata che simboleggia la dipendenza delle donne dagli uomini.

 

Secondo altre teorie, l’idea deriva dall’orfanotrofio della Cappella di Aubazine dove la donna trascorse la sua giovinezza. Inoltre, dall’emblema di Caterina de’ Medici. Altri sostengono che sia la sua iniziale e quella del suo amante e compagno Arthur Boy Capel.

 

Blucactus - Ken SchreckOra, da qualunque parte provenga questa ragione, non possiamo negare che questa donna sia riuscita a creare un impero che è diventato una rivoluzione, non solo nel design ma anche nella società parigina.

 

Noi di BluCactus possiamo aiutarvi a creare il vostro impero nel mondo della moda come fece Coco Chanel e speriamo che abbiate il coraggio di sperimentare con noi.

 

Possiamo anche aiutarvi a definire la vostra identità di marca e a collegarla ai valori che vi definiscono.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.